Sandy Marton

Probabilmente c’è stata una sorta di timore reverenziale che ha bloccato sino a questo momento l’arrivo di Sandy Marton all’interno di questo blog; in fin dei conti l’ho annunciato un sacco di tempo fa senza però proporlo, almeno sino ad oggi! Il buon Sandy è senz’altro uno dei personaggi più rappresentativi degli anni ottanta, il cui esordio discografico però è avvenuto sotto un altro nome. Il primo singolo, dal titolo Ok Run, fu pubblicato con lo pseudonimo M Basic. Ricordo ancora quando, al Festivalbar, presentò quel singolo: non aveva ancora la mitica tastiera al collo, bensì si esibiva dietro a più tradizionali sequencer. In quel periodo quel marpione di Claudio Cecchetto pensò bene di non limitarsi a produrre il biondo ragazzone croato, ma di lanciarlo anche come vee-jay all’interno della neonata Dee Jay Television, il cui primo cast vedeva appunto il buon Alexander affiancare personaggi del calibro di Kay Rush e di un giovane, barbuto e magrissimo Gerry Scotti. Musicalmente parlando Sandy è sempre stato affascinato da un certo tipo di rock, anche se poi le sue produzioni non sembravano confermarlo: People from Ibiza, Camel by Camel, Exotic & Erotic sono stati successi incredibili soprattutto in discoteca. L’immancabile album (peraltro unico) dal titolo Modern Lovers conteneva però brani un po’ meno scontati, come White storm in the jungle e Catch the time. Ancora il tempo di qualche altro singolo, alcuni riusciti (Love synchronicity) altri un po’ meno (La paloma blanca) e di Sandy si persero le tracce… salvo poi ritrovarlo in trasmissioni come Meteore o, peggio, L’isola dei famosi… Sandy però resta sempre simpatico e molto disponibile, e pare che abbia pure inciso un nuovo disco qualche tempo fa… qualcuno l’ha ascoltato?

Sandy Martonultima modifica: 2008-03-18T22:55:00+01:00da realkenshi
Reposta per primo quest’articolo